Lo scempio del Porto Clementino : Assolidi scrive al Ministro Franceschini

Stampa
Categoria: Non categorizzato
Data pubblicazione
Scritto da Super User Visite: 573

 

ASSOLIDI AUSPICA UN ALTO INTERVENTO DEL MINISTRO PER PORRE FINE ALLO SCEMPIO DEL PORTO CLEMENTINO, MA ANCHE DEL PESSIMO UTILIZZO DELL'AREA ARCHEOLOGICA DI GRAVISCA E DELL'ABBANDONO DELLO STORICO BORGO DELLE SALINE - ASSOLIDI AUSPICA UNA AZIONE SINERGICA DELLE ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO VOLTA SOLLECITARE INTEREVENTI URGENTI A TUTELA DEL NOSTRO PATRIMONIO STORICO, ARCHEOLOGICO E PAESAGGISTICO.

E’ sotto gli occhi di tutti lo scempio che si sta consumando ai danni del “Porto Clementino”, il monumento che caratterizza il litorale tarquiniese sul quale è passata la Storia per venticinque secoli sta per scomparire definitivamente distrutto, ancor prima che dalle mareggiate, dalla indifferenza di chi avrebbe dovuto intervenire per la sua tutela.

Il giorno 24 Maggio u.s. la L.A. Assolidi di Tarquinia ha inviato al Ministro della Cultura, On. Dario Franceschini , una lettera-appello , corredata da allegato fotografico, con la quale si è documentata la critica situazione del “Porto Clementino” chiedendo un suo Alto intervento per attivare le procedure per la messa in sicurezza di quanto ancora in essere della antica struttura e per un auspicabile recupero delle parti collassate sotto l’azione dei marosi.

La lettera-appello è stata accolta ed affidata alla Direzione generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio, e precisamente al Servizio 2 competente per gli scavi e la tutela del patrimonio archeologico.

Attualmente la pratica è in lavorazione.

La lettera-appello ha fatto riferimento ad altre due siti del nostro territorio: l’area archeologica di Gravisca ed il Borgo storico delle saline

In attesa di un auspicabile riscontro positivo da parte del Ministero rivolgiamo un invito, che formalizzeremo nelle vie brevi, alle associazioni ed alle forze politiche per un impegno comune volto alla difesa ad alla valorizzazione del nostro Patrimonio storico, archeologico e paesaggistico.

Questa che segue è la lettera inviata al Ministro Dario Franceschini.