Il dialogo (assente) tra Giulivi e le associazioni

Assolidi respinge le infondate accuse rivolte dal Sindaco durante la conferenza stampa del 23 Aprile e ne chiede immediata pubblica smentita

    Le recenti affermazioni del Sindaco di Tarquinia sullo stato critico dei rapporti tra la sua Amministrazione e le associazioni del territorio impongono doverose precisazioni.

Riepiloghiamo brevemente.

Giulivi, durante la recente conferenza stampa tenutasi il 23 Aprile u.s., convocata per illustrare i motivi del mancato svolgimento della Fiera di Maggio,  ad una precisa domanda rivoltagli da un giornalista, ha affermato che l'assenza di dialogo con le associazioni citate dal suo interlocutore, sarebbe in minima parte riconducibile a sue colpe, essendo in gran parte imputabile agli “interessi privati”  di soggetti non meglio identificati. Concludendo il suo intervento il Sindaco ha puntualizzato che le associazioni dovrebbero recitare un “mea culpa “per aver “utilizzato il Comune come una vacca da mungere” senza nulla dare in cambio, il che avrebbe costituito le premesse per la chiusura di ogni dialogo.

Questo che segue è il link del video relativo a parte dell'intervento del Sindaco https://www.facebook.com/1076647379/posts/10222871179302803/?d=n

 

 Non può sfuggire la gravità di queste criptiche affermazioni del Primo cittadino, al quale si chiede di esplicitare pubblicamente la materia delle accuse ed i nomi dei soggetti, a suo dire, colpevoli così da salvaguardare il buon nome di coloro che sono impegnati nelle associazioni in modo del tutto gratuito e senza interessi privati.

Dato che anche Assolidi è stata citata nella domanda del giornalista ed, implicitamente, compresa nella risposta di Giulivi, precisiamo quanto segue, pronti a qualsiasi forma di dimostrazione di quanto appresso affermato:

  • nessun socio e/o responsabile ha curato interessi privati facendo uso della associazione e/o delle sue attività;
  • tutte le iniziative e le attività della Libera Associazione Assolidi di Tarquinia sono rivolte esclusivavente agli interessi collettivi del territorio, della comunità residente, dei proprietari di immobili (contribuenti del Comune) e degli operatori commerciali;
  • fin dalla fondazione della associazione non abbiamo mai richiesto, ne tanto meno ottenuto alcun tipo di finanziamento da parte del Comune di Tarquinia, né da altri Enti pubblici o soggetti privati; la nostra associazione opera nei campi ambientale, culturale e sociale e per le sue attività attinge risorse esclusivamente da autofinanziamento.

A tale riguardo si chiede al Sindaco la immediata smentita pubblica riguardo le indebite accuse rivolte anche alla Libera Associazione Assolidi di Tarquinia.

La L.A. Assolidi di Tarquinia ha rivolto al Sindaco unicamente richieste per incontri nel corso dei quali avere un confronto sui temi di interesse collettivo, confidando nella disponibilità, in tal senso, espressa da Giulivi durante la campagna elettorale del 2019.

Sono state anche inviate segnalazioni, richieste d’intervento per materie di interesse comunale, ed è stata fatta richiesta d’accesso agli atti per la documentazione inerente i lavori di viale Andrea Doria (abbattimento dei pini, loro sostituzione e rifacimento del marciapiede) ciò in relazione a quanto previsto dal Testo Unico degli Enti locali.

Tutte le richieste, compresa la dovuta concessione dell’accesso agli atti, sono state rifiutate o ignorate anche oltre i previsti termini di legge (l. 241/90 e successive integrazioni)...

Avendo puntualizzato la nostra posizione e, all’evidenza, rientrando, nei soggetti associativi per i quali il Sindaco mantiene aperto il dialogo, in quanto NON portatori di interessi privati e NON finanziati indebitamente dalle casse comunali, torniamo a chiedere un incontro con Primo cittadino nel corso del quale avere un confronto su temi d’interesse collettivo.

La richiesta verrà formalizzata attraverso i canali istituzionali.

La Frasca, il monumento naturale oltraggiato

 Località "La Frasca" è stata insignita del titolo di Monumento naturale, ma, purtroppo, è costantemente messa sotto attacco dalla mancanza di sensibilità da parte di frequentatori privi di sensibilità verso un luogo da fruire con rispetto e cautela.

      E sempre un grande piacere parlare di S.Agostino, la perla del litorale a Nord di Roma che ancora non è conosciuta e valorizzata per come merita la sua originale ed inconfondibile bellezza che si coniuga con la Storia bimillenaria della quale è stata testimone, compresa, ovviamente la presenza del Santo, Dottore della Chiesa, dal quale prende il nome.

      S.Agostino è nota ai più per la splendida piccola baia, che nei tempi antichi fu un porto dedicato al dio Giano e per la sua spiaggia lunga e sabbiosa ma ancora oggi molti non sanno che fa parte del suo territorio la località “La Frasca” alla quale per la sua geologia, flora e fauna è stata attribuita la qualifica di Monumento Naturale dalla Regione Lazio (istituito con DPRL T00162 del 29.09.2017)

      Torneremo a trattare ampiamente di questa splendida località; in questa sede ci occuperemo di portare alla vostra attenzione le attuali incredibili condizioni in cui versa questo lembo di territorio che per le sue riconosciute caratteristiche merita di diritto di essere tutelato e quindi protetto dalle aggressioni causate dalla incontrollata ed irrispettosa presenza umana. 

      Il territorio de La Frasca si articola su tre fasce; la frastagliata spiaggia lapidea che delimita una striscia di terreno alle spalle della quale si trova la folta pineta costituita da alberi ad alto fusto.  

    Per garantire la giusta tutela del luogo, nell'anno 2021 è stato istituito dal comune di Tarquinia il divieto di transito permanente (Registro generale n. 68 del 20/06/2020) ,peraltro già contemplato dalla Legge regionale 29/87,   come pure il divieto di campeggio (il divieto di campeggio vigeva già con Ordinanza Comune di Tarquinia n. 8089/2011). Tutto a posto.... ? No …!!

    Nonostante i divieti, La Frasca è percorsa costantemente da veicoli a motore che devastano la fascia di terreno compresa tra la spiaggia e la pineta, specialmente nella stagione invernale, nella quale si sono venute a formare grandi buche che in occasione di precipitazioni meteoriche, ma anche dopo forti mareggiate, si riempiono d'acqua, rendendo difficoltosa la fruizione del luogo da parte di persone a piedi o in bicicletta. (vedi foto allegate)

     Naturalmente alle condizioni di abuso gravi di per sé in quanto dannose per la salvaguardia dell'ecosistema, si sommano gli effetti della sciatteria di parte degli stessi “fruitori” che abbandonano i loro rifiuti, danneggiano cartellonistiche e divelgono cartelli stradali, non sapendo che la legge non ammette ignoranza e che anche se il divieto non c’è “la multa la becchi lo stesso…….!”

Immaginiamo con grande preoccupazione cosa possa accadere durante le giornate di Pasquetta e del Primo maggio !

  Quanto tempo dovremo ancora attendere per veder terminato questo scempio? Confidiamo nelle autorità competenti affinché apportino cambiamenti positivi; gli strumenti non mancano, si ricorda, la zona è tutelata da precise disposizioni di legge !

     Le foto che seguono illustrano efficacemente lo stato del luoghi deturpato dal transito (vietato) di mezzi a motore. 

  

 

 

AUGURI !!!!

 

Auguri a tutte le amiche e gli amici di Assolidi di Tarquinia

per un felice S.Natale

e per l'imminente nuovo  anno affinché porti a tutti tanta

serenità e sia ricco di successi personali di  lavoro !!

 

Lavori in corso su viale Andrea Doria

   Viale Andrea Doria, dopo i lavori in corso, cambierà aspetto in modo significativo,  si spera che il sacrificio di tanti pini d'alto fusto sia stato giustificato da valutazioni tecniche indifferibili.

    Mercoledì 2 Febbraio i residenti del Lido hanno assistito all'inizio dei lavori di abbattimento degli alberi di pino che si trovavano sui marciapiede situati ai lati dell'ultimo tratto di viale Andrea Doria .

 

  L'abbattimento degli alberi, ha destato reazioni contrastanti; da una parte coloro che ritengono i pini dannosi per gli effetti delle loro radici superficiali sulle pavimentazioni stradali e dei marciapiedi, ragione per cui è bene procedere alla loro eliminazione, seppur progressiva, con la contemporanea sostituzione con specie arboree maggiormente compatibili con l’ambiente urbano. Ma accanto alle voci di approvazione si sono levati cori di protesta da parte di cittadini e proprietari di immobili che disapprovano gli abbattimenti sostenendo che la tutela degli alberi debba prevalere sempre e comunque quando non sussistano concreti rischi di caduta e che la spesa per il periodico rifacimento delle pavimentazioni sia la opzione prioritaria da percorrere.

Preliminarmente alla presa di posizione ufficiale, considerata la mancanza di informazioni certe, sui motivi alla base della decisione d’abbattere piante di più di sessanta anni di vita e sul progetto inerente i lavori in corso su viale Andrea Doria, il   Direttivo di Assolidi; in data 07 Febbraio ha fatto richiesta d’accesso agli Atti rivolgendo specifica istanza al Comune di Tarquinia.

   Soltanto dopo aver acquisito ed esaminato attentamente la documentazione richiesta si potrà esprimere un parere oggettivo e fondato. Pur consapevoli che la pubblicazione presso l’Albo pretorio comunale costituisca l’assolvimento dell’obbligo di legge riguardo la comunicazione istituzionale in merito alle decisioni adottate dalla Amministrazione, riteniamo che in occasione di interventi che vadano a modificare lo stato di luoghi e/o comunque la loro fruizione da parte della cittadinanza ma anche dei proprietari di immobili, anch'essi contribuenti del nostro Comune, la Amministrazione dovrebbe aprire un momento di condivisione durante il quale illustrare le motivazioni che hanno dato avvio alla fase progettuale ma anche i tempi d’attuazione e soprattutto i risultati attesi e le ricadute (che ci si augura siano sempre positive) sulla vita cittadina.

   A prescindere dalle ragioni che hanno portato alla decisione di effettuare i lavori su viale Andrea Doria, rimarrà, comunque, il dispiacere di aver visto sacrificare piante così belle, utili e pienamente contestualizzate in un ambiente marino come il nostro; da parte nostra esprimiamo l’auspicio che i nuovi piccoli alberi, dopo la messa a dimora, ricevano le attenzioni dovute e necessarie per il loro attecchimento, determinando effetti diversi dalla sorte patita da altre piante messe a dimora lo scorso anno.  

   Per restituire all’ambiente del Lido un numero almeno pari a quello delle piante abbattute, lanciamo la proposta di provvedere in un prossimo futuro alla piantumazione di nuovi alberi di pino accanto alle attuali pinete urbane ponendo le premesse per un aumento della loro superficie senza interferire con le pavimentazioni stradali.

    Torneremo sull’argomento non appena in possesso dei documenti richiesti dei quali daremo ampia notizia dalle pagine del nostro blog e sui social riconducibili ad Assolidi.  (la foto dello stato di viale Andrea Doria, ante lavori, è stata ricavata da Street Wiew di Google)

Lo scempio del Molo Clementino a "Striscia la notizia"

GRAZIE AI CITTADINI DEL COMITATO "SALVIAMO PORTO CLEMENTINO", LA NOTIZIA DELLO SCEMPIO CHE SI STA CONSUMANDO AI DANNI DEL NOSTRO MONUMENTO E' ARRIVATA ALLA ATTENZIONE DELLA OPINIONE PUBBLICA NAZIONALE

Esprimiamo sincero ringraziamento a coloro che hanno segnalato lo scempio del Molo Clementino alla redazione del giornale satirico “Striscia la notizia”.  https://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/indiana-ghiones-e-il-porto-maledetto_75699.shtml

Il servizio andato in onda Giovedì 2 Dicembre ha finalmente, portato alla attenzione della opinione pubblica nazionale lo scempio del prezioso sito archeologico che si sta consumando da decenni senza alcun opportuno e doveroso intervento da parte delle autorità competenti. La notizia è stata riportata anche da TGCOM24. https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lazio/porto-clementino-vt-i-siti-archeologici-abbandonati-dai-ministeri_42527899-202102k.shtml

Ricordiamo che il gruppo di cittadini promotore dell'iniziativa ha aperto una pagina Facebook di cui abbiamo riportato il link in calce alla home page del nostro sito . https://www.facebook.com/groups/1810568389170285/

Durante il servizio di “Striscia” il neo assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Tarquinia ha ribadito che la Amministrazione continuerà a sollecitare interventi da parte del Ministero che, ci auguriamo, giungano prima del collasso totale della antica struttura e che tali interventi prevedano un opportuno restauro del monumento.

Assolidi si rende disponibile ad affiancare il gruppo di cittadini che da anni si batte per la salvaguardia del Molo Clementino ai quali propone di farsi capofila di una rinnovata iniziativa che veda coinvolte anche tutte le associazioni del territorio che intendano condividere e sostenere una energica azione a favore del monumento prima che l’azione del mare faccia di lui soltanto un ricordo.  

Sottocategorie

News

Nello spazio "Orari S.Messe" sono pubblicati gli orari aggiornati ; a breve verranno pubblicati quelli relativi alla Settimana Santa ed alla Pastorale estiva


Nel sottostante spazio dedicato sono pubblicati gli orari delle farmacie per i mesi di Marzo ed Aprile


Informazioni

     acqua potabile 

 

       balneabilità 

 

ORGANI D'INFORMAZIONE

     la WEB-TV di Tarquinia

 

Associazioni Volontariato
Istituzioni pubbliche

 
                                                                                   

 


  

 

 

Associazioni sportive

orari trasporti pubblici

autolinee locali

 autolinee regionali

 

trenitalia                            

 

 

 

I nostri Dossier

Situazione meteo
previsioni del tempo tarquinia